CSR - Trame Africane - Ambiente

Solidarietà: il nostro ambiente ideale

 

  • 01_trame_coppola.jpg
  • 02_trame_coppola.jpg

 

TRAME AFRICANE:
UN ESEMPIO DI CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY PER DARE DELLE CONCRETE POSSIBILITÀ DI SVILUPPO ALL’AFRICA.

 

Coppola Spa considera la responsabilità sociale d’impresa e la creazione di valore per la società civile come parti integranti delle sue attività ed elementi fondamentali di valutazione delle sue performance aziendali. Una visione strategica d’impresa che si esprime con azioni, pratiche e comportamenti adottati a tutela di collaboratori, fornitori, clienti e collettività. In tale ottica rientra il progetto di charity Trame Africane.

L’associazione Trame Africane è una ONLUS nata nel 2001 dal desiderio concreto di aiutare le popolazioni che vivono nella povertà e nel degrado del continente africano. L’intento dell’associazione è quello di sostenerle attraverso proposte di sviluppo complete e strutturate che le aiutino ad essere protagoniste del loro riscatto sociale ed economico e non spettatori passivi, costretti, da una storia e da un luogo, a non avere scelta.

Il modus operandi dell’associazione si basa sul non voler fare assistenzialismo che crea dipendenza dagli aiuti ma solidarietà totale con interventi mirati al miglioramento delle loro condizioni di vita attraverso l’istruzione, la formazione professionale, il lavoro e le infrastrutture sanitarie. La Coppola Spa sostiene con amore, dedizione e passione quest’associazione da più di 13 anni. Si può affermare con serenità che per la dirigenza l’obiettivo di far crescere ed espandere il progetto di Trame Africane Onlus è secondario soltanto alla gestione ed organizzazione dell’attività dell’Azienda.

All'interno del continente africano Trame Africane ha individuato due aree di intervento:

  • in Kenya, dove ha cominciato ad operare fin dagli inizi avviando il Machaka Project.
  • Nella Repubblica Democratica del Congo, dove nel 2006 ha intrapreso il Mbulungu Project.

Trame Africane agisce nel pieno rispetto delle culture e delle tradizioni di questi territori con dei progetti di cooperazione per migliorare le condizioni igienico-sanitarie, creare opportunità di lavoro, permettere la scolarizzazione e formazione professionale dei giovani al fine di garantire loro una vita più dignitosa ed un futuro più sicuro.

 

AMBIENTE:
LA COPPOLA SPA È MOLTO SENSIBILE ALL’AMBIENTE, OGNI AZIONE È VOLTA ALLA DIMINUZIONE DELL’IMPATTO AMBIENTALE DELLA SUA PRODUZIONE. IMPEGNO NEI CONFRONTI DELL’AMBIENTE CHE SI CONCRETIZZA CON INVESTIMENTI IN: NUOVI IMPIANTI, PROCESSI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E RIUSO DEI MATERIALI E SOLUZIONI LOGISTICHE INNOVATIVE. SOLUZIONI COME IL MAGAZZINO AUTOMATICO, VERO FIORE ALL’OCCHIELLO DELL’AZIENDA, CHE RIDUCENDO I TRASPORTI E LA MOVIMENTAZIONE DEI PRODOTTI COMPORTA, DI CONSEGUENZA, UNA CONSIDEREVOLE DIMINUZIONE DELL’INQUINAMENTO PROVOCATO DAI MEZZI.

 

Impianti fotovoltaici

Dal 2011 ad oggi la Coppola Spa ha iniziato ad investire nell’energia rinnovabile con un primo impianto di 250 kwp per arrivare ad un impianto che complessivamente raggiunge la potenza di 850 kwp, garantendo al contempo un risparmio annuo per l’Azienda di circa il 10% di autoconsumo di energia elettrica ed una diminuzione di produzione di CO2 di circa 540 tons annui. Entro la prima metà dell’anno 2015 sarà completato un’ulteriore impianto di 150 kwp portando così la potenzialità totale installata a circa 1 Mw di potenza. L’Azienda, inoltre, investe in economizzatori e recuperatori di calore per il risparmio di gas metano.

 

Smaltimento dei rifiuti in termini ambientali

Sempre nell’ottica di rispetto per l’ambiente, la Coppola Spa assume una politica molto rigida per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti. Oltre a smaltirli seguendo quanto previsto dalle normative vigenti, alcuni rifiuti vengono recuperati il più possibile. Ad esempio gli imballaggi che i fornitori utilizzano per il trasporto delle merci sono riconsegnati per essere riutilizzati. Per quanto riguarda gli scarti di produzione e sottoproduzione, questi sono destinati alla zootecnica in modo da rendergli una “seconda vita”.